Un anno di salvataggi per SOS Mediteranee: “Cambiamo il modo di guardare ai profughi”

È stato presentato questa mattina presso l’Arsenale della Marina Regia di Palermo il programma di iniziative che si svolgerà dal 15 al 19 febbraio per festeggiare il primo compleanno di SOS MEDITERRANEE Italia. L’occasione è stata l’inaugurazione della mostra “Aquarius”, scatti e videoinstallazioni di Marco Panzetti e Andrea Kunkl, due degli unici tre fotografi italiani imbarcati sino ad ora sulla Aquarius, la nave di salvataggio della organizzazione umanitaria, presenti per l’occasione. La mostra, a cura di Amelia Giordano e Stefano Ferri di SOS MEDITERRANEE Italia, sarà visitabile tutti i giorni dalle 8.30 alle 17.00 (il venerdì fino alle 15.00, sabato e domenica chiusura).

Le iniziative in programma sono il frutto della collaborazione tra la Soprintendenza del Mare e l’associazione umanitaria per il salvataggio dei migranti in mare. Il Soprintendente Sebastiano Tusa, presente all’inaugurazione, ha ricordato che “le migrazioni fanno parte della storia del Mediterraneo ed in nome della storia possono rappresentare una risorsa, non un problema. Queste iniziative sono l’occasione per valorizzare la ricchezza del mosaico etnico-culturale del Mediterraneo e agevolare comprensione, non muri”. Il lavoro di testimonianza e documentazione di SOS MEDITERRANEE è stato presentato da Valeria Calandra, presidente di SOS MEDITERRANEE Italia, nata nel febbraio del 2016 con l’obiettivo fondamentale di salvare vite umane in mare: “dopo il primo anno di attività, presentiamo alla città anche le prime iniziative per raccontare il dramma di chi scappa da Paesi in guerra o per sfuggire comunque alla fame e alla violenza. Possiamo cambiare il modo in cui guardiamo a profughi e migranti grazie alla conoscenza delle loro storie e delle violenze cui spesso sono esposti durante il viaggio migratorio. Questo è un altro punto irrinunciabile della nostra missione”

Nei prossimi giorni, le porte dell’Arsenale si apriranno per un Tour a cura della Soprintendenza del Mare e sarà possibile anche visitare il Museo storico della subacquea (a cura dell’Associazione “Amici della Soprintendenza”) ed approfondire la Storia dell’Arsenale (a cura dell’Associazione “Pro Arsenale”).

Tra le altre iniziative in programma, sabato 18 alle 17.00 SOS Mediterranee Italia e la Soprintendenza del Mare incontreranno insieme la città di Palermo con l’apertura straordinaria dell’Arsenale della Marina Regia, per la proiezione del film- documentario “I Migranti non sanno nuotare” del giornalista francese Jean Paul Mari, racconto delle tre settimane trascorse dall’autore a bordo della nave Aquarius; il film verrà presentato dal curatore della edizione italiana, Ferruccio Frigerio di SOS MEDITERRANEE ITALIA; a seguire, un omaggio musicale degli “Alma Duo” con la cantante Glenda Scolaro e un brindisi augurale per il nuovo anno di attività di SOS MEDITERRANEE Italia.

Ospite d’eccezione delle iniziative, in programma prima e durante la permanenza della nave Aquarius a Palermo, sarà lo scrittore francese Daniel Pennac, testimonial di SOS MEDITERRANEE Francia.