MEMENTO: per raccontare la storia di un numero che torna, finalmente, ad essere nome

“MEMENTO – Siamo nomi non numeri” è la chiusura di una vicenda che si è aperta tempo fa, e che adesso ha trovato una conclusione.

Francis, migrante sopravvissuto ad un naufragio del 25 maggio 2017, e che ora vive in un centro d’accoglienza nel Nord Italia, dopo molti mesi di ricerche, è riuscito a mettersi in contatto con HRYO Human Rights Youth Organization che, giusto qualche mese fa, aveva organizzato insieme a Maghweb l’incontro “Anatomia di un naufragio”, raccontando un aspetto sconosciuto ai più: cosa ne è dei corpi di chi non ce l’ha fatta durante la traversata per raggiungere l’Europa?

La moglie di Francis è morta lungo il viaggio verso l’Italia, il suo corpo è stato recuperato insieme ai superstiti da un’imbarcazione a cui per giorni è stato negato l’attracco a causa del G7 in corso proprio in quei stessi giorni Taormina. Subito dopo lo sbarco Francis non ha mai saputo più nulla del corpo della moglie. Ha chiesto aiuto ad HRYO per uscire da quel limbo che accomuna migliaia di migranti: ritrovare le spoglie dei propri familiari, elaborare definitivamente il lutto, chiudere il cerchio.

Siamo riusciti a trovare la tomba con il numero corrispondente all’identità della moglie. Si tratta in genere di fosse anonime, disseminate in varie parti della Sicilia, senza croce perché si sconosce la religione degli annegati. Su quella tomba abbiamo fissato un nome: Mary.

Francis ha avuto il permesso di raggiungere in treno Palermo (un viaggio di 20 ore, da Nord a Sud) per partecipare ad un piccolo “rito” allo Stato Brado, venerdì 25 maggio alle ore 19, al quale prenderà parte la comunità nigeriana che risiede a Palermo e l’Associazione Donne Di Benin City Palermo: “MEMENTO” è un abbraccio, una celebrazione, un incontro, una festa, per raccontare la storia di un numero che torna, finalmente, ad essere nome.

Quando avviene uno sbarco, subito, i vivi vengono separati dai morti e di quest’ultimi in genere non si hanno più notizie: non è prevista una procedura per il riconoscimento dei cadaveri perché nessuno può attestare la veridicità delle dichiarazioni fatte da un migrante. Pensiamo che il problema dell’oblio dell’identità dei morti in un naufragio dovrebbe diventare argomento di discussione. Pensiamo che sia importantissimo battersi contro la normalizzazione della tragedia a cui ci siamo davvero abituati.