L’arte della narrazione come mezzo di advocacy: aperte le selezioni per lo scambio MEDtalks

Coinvolgere ragazze e ragazzi europei in un’esperienza che li porti a esprimersi in maniera più efficace sia nella realtà quotidiana che sui social media e portarli alla scoperta del potenziale di sensibilizzazione della narrazione, reinventandosi narratori di loro stessi e agenti di cambiamento sociale. È questo l’obiettivo di MEDtalks, lo scambio giovanile che si propone di stimolare nei suoi partecipanti curiosità verso l’arte della narrazione come mezzo di advocacy.

Lo scambio, realizzato in partenariato con le organizzazioni United Societies of Balkans, Goeurope e Geoclube (Portogallo, Spagna, Grecia), coinvolgerà 28 ragazzi e ragazze di età compresa tra i 18 e i 26 anni. Coordinato dall’associazione di promozione sociale Maghweb e sostenuto dal programma Erasmus +MEDtalks si terrà a Palermo dal 23 al 29 marzo 2019.

Partendo dall’esigenza atavica che l’uomo nutre nel confronto del racconto sia di sé che della realtà a lui circostante, Maghweb ha deciso di esplorare come questa necessità si coniughi con l’advocacy e il coinvolgimento sociale. L’atto di raccontare e di raccontarsi, infatti, si è configurato sin dall’antichità come una necessità dell’uomo, in quanto costituisce un mezzo di esplorazione del sé, ma anche uno strumento catartico per affrontare situazioni di difficoltà. Ecco perché MEDtalks mira a coniugare questo bisogno con i social media che tutti i giorni usiamo per diffondere informazioni. Il nome del progetto si ispira al celebre format e alla piattaforma si condivisione di discorsi “TED talks”, la cui durata varia dai 5 ai 10 minuti e che vede personaggi influenti e non sensibilizzare il pubblico riguardo un determinato argomento (dalla disparità di genere alla discriminazione razziale), molto spesso condividendo la propria storia personale. Maghweb ha deciso di mantenerne il format focalizzandosi però sui paesi di area Mediterranea, che condividono un prezioso patrimonio di narrazione orale, di qui il nome del progetto: MEDtalks.

Attraverso metodologie di educazione non formale (brainstorming, mind maps, dibattiti e lavoro di squadra), verranno forniti a ciascun partecipante gli strumenti per costruire un proprio discorso, che verrà filmato e condiviso sul canale Youtube di Maghweb. Le conoscenze maturate durante lo scambio stimoleranno nei partecipanti una maggiore consapevolezza del ruolo che i social media possono avere nello sviluppo sociale e nell’attività di advocacy, nonché una maggiore fiducia in sé stessi. La narrazione è infatti uno strumento imprescindibile per l’autoaffermazione e la partecipazione civica attiva: raccontando la propria esperienza in maniera efficace è possibile non solo approfondire la conoscenza di sé stessi, ma anche appassionarsi e far appassionare a una causa, sensibilizzando il proprio pubblico e motivandolo a prendere decisioni significative per lo sviluppo sociale. Inoltre parlare in pubblico, specie sapendo di essere filmati, non può far altro che aumentare il sentimento di sicurezza in sé stessi, migliorando così le proprie capacità relazionali e interpersonali.

Gli obiettivi generali di MEDtalks sono dunque:

  • Rafforzare la coscienza civica dei giovani europei, insistendo sull’importanza del pensiero critico
  • Facilitare il dialogo interculturale e la partecipazione sociale tra i giovani in Europa
  • L’accrescimento della “European Awareness”
  • La promozione della conoscenza del programma Erasmus + e delle opportunità che offre
  • Promuovere metodologie di apprendimento innovative e non formali

PROFILO RICHIESTO:

Età: 18-26 anni

Residenza o domicilio in Italia

Motivazione: interesse per i temi dello scambio

COSTI:

Non è previsto rimborso per i costi di viaggio dei partecipanti italiani. Vitto e alloggio sono interamente finanziati dal programma Erasmus+ e dall’Agenzia Nazionale per i Giovani.

COME CANDIDARSI

Invia una mail a: partners@maghweb.org

In alternativa passa a trovarci allo Stato Brado, piazzetta di Resuttano 4, Palermo.